Pagine

sabato 13 giugno 2015

Vittime del controllo neurale : Come camuffano le patologie con le radio frequenze...

Vittime del controllo neurale : Come camuffano le patologie con le radio frequenze...: Come camuffano le patologie con le radio frequenze per il controllo narcolettico satellitare MK ULTRA    di Emiliano Babilonia     ...

Come camuffano le patologie attraverso le radio frequenze per il controllo narcolettico satellitare MK ULTRA di Emiliano Babilonia

Come camuffano le patologie attraverso le radio frequenze per il controllo narcolettico satellitare MK ULTRA  
di Emiliano Babilonia 



                                                                                                                                                                                             SPIEGHIAMO SINTOMI E TERAPIA DELL’ ELETTROSENSIBILITA’. 
Con questo termine, si indica l’insieme dei disturbi biologici e psicologici, avvertiti da alcuni soggetti in prossimità di campi elettromagnetici (c.e.m.) ad alta e bassa frequenza. Si tratta di sintomi provocati dalla vicinanza a telefoni cellulari, stazioni radiobase, wi-fi, radar, ripetitori radio-televisivi, ponti radio, elettrodotti e anche computers, elettrodomestici e impianti elettrici delle abitazioni. Si ritiene che le persone portatrici di protesi metalliche siano particolarmente esposte all’elettrosensibilità. La classe medica, soprattutto italiana, non è concorde nel definire cause e cure del problema. Altrove, è motivo di invalidità civile.
LA MALATTIA DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI - Ecco i sintomi da non sottovalutareI SINTOMI SONO formicolio, prurito, insonnia, debolezza, mal di testa, nausea e malessere generale. Si riscontrano anche riduzione della memoria, bradicardia e disturbi dell’umore che possono degenerare in depressione. I pazienti riferiscono anche di accusare dolore, ad esempio quando hanno in tasca il cellulare. Oltre ai disturbi avvertiti, vi sono alcuni effetti biologici che secondo alcuni specialisti possono essere ricondotti all’esposizione ai campi elettromagnetici, come i danni a carico di alcuni organi. Tali problematiche possono sussistere persino conesposizione ai c.e.m per livelli inferiori ai valori limite convenuti dalle società scientifiche e fissati dalle leggi nazionali e internazionali. In alcuni casi, è possibile individuare un evento scatenante dell’elettrosensibilità: ad esempio, un incidente elettrico che provoca folgorazione, a lungo termine, può causare i sintomi tipici di questo problema. Le occasioni di esposizione generalmente si concentrano a casa e sul posto di lavoro.
pazienti affetti da elettrosensibilità LA MALATTIA. I pazienti affetti da elettrosensibilità sono spesso costretti a pellegrinaggi in vari ospedali alla ricerca di uno specialista in grado di comprendere realmente la situazione. In Italia, c’è molta disinformazione sul problema e i pochi professori che se ne occupano, sono largamente osteggiati. Trattandosi di una patologia relativamente recente, spesso i soggetti si trovano nella difficoltà di individuare un interlocutore che conosca in maniera approfondita il problema dell’elettrosensibilità. Nei casi peggiori, l’incomprensione della classe medica conduce a diagnosi frettolose di patologie psichiatriche. Come per la patologia ambientale della Sensibilità Chimica Multipla, l’elettrosensibilità non figura, al momento, nell’elenco di malattie rare dell’Istituto Superiore della Sanità. Ricordiamo, invece, che è riconosciuta come patologia da alcuni Paesi come Canada, Spagna e Francia. In quest’ultima, in particolare, esistono zone franche, libere da campi elettromagnetici, dove i malati possono vivere in tranquillità. Unacasa per le persone elettrosensibili e malati di sensibilità chimica multipla è stata realizzata anche a Zurigo; in Svezia, è considerata malattia invalidante. A livello internazionale, si parla diipersensibilità ai campi elettromagnetici, Electromagnetic Hypersensitivity, EHS.
pazienti affetti da elettrosensibilità LA TERAPIA dell’elettrosensibilità si basa principalmente sull’evitamento delle esposizioni ai campi elettromagnetici. Ridurne e magari azzerarne la frequenza, significa anche limitare i disturbi legati alla patologia. Spesso, i pazienti si trovano, a loro malgrado, a subire l’utilizzo dei wi-fi dei vicini che, da solo, può causare disabilità a chi è affetto da elettrosensibilità. In questo caso, la libertà personale tutelata legalmente va a limitare il diritto alla salute del malato. I pazienti, spesso, sono costretti a cambiare casa o modificarla per renderla abitabile, evitare mezzi e luoghi pubblici, cambiare radicalmente la propria vita sociale oppure seguire il metodo del ricercatore Emiliano Babilonia attraverso una analisi ambientale con misuratore di spettro che individua le frequenze nocive vicino al vostro corpo durante la notte .

sabato 6 giugno 2015

MIND CONTROL : SCIENZIATI USANO LA LUCE PER IL CONTROLLO CEREBRALE di Emiliano Babilonia

MIND CONTROL : SCIENZIATI USANO LA LUCE PER IL CONTROLLO CEREbrale di Emiliano Babilonia



La continua ricerca sul controllo mentale del cervello fa passi da gigante. Il nostro cervello spesso è bombardato e alterato per colpa dei media, i politici, le medicine che alterano la mente e le tossine ambientali. La scienza sta cercando una sorta di ricablaggio del cervello umano.
Di recente sono state introdotte nuove tecniche di controllo mentale che creano un’interfaccia cervello – computer; manipolazione magnetica attraverso una polvere neurale, laser ad alta potenza ed anche il caricamento diretto dei contenuti del nostro cervello. Un “ingresso” della nostra mente nel regno digitale.
vision
lightpulses
Fino a questo punto, gran parte della ricerca è stata focalizzata sulle diverse forme di impianti fisici per indirizzare i centri di memoria del cervello. I ricercatori del MIT stanno svelando un sistema di controllo remoto, di nuova generazione, che utilizza la luce al di fuori del cranio. Questa luce sarebbe in grado di influenzare la proteina responsabile per l’attività dei neuroni nel cervello.
Il comunicato stampa è stato pubblicato ed il programma è stato intitolato “Non-Invasive Brain Control”, mentre il meccanismo di controllo è stato etichettato con il nome di “Jaws”, ovvero squalo. Il Mit ha diffuso anche un video nel quale ha paragonato il macrocosmo della funzione del cervello a una città; una metropoli moderna sotto sorveglianza tecnocratica.
Mentre il comunicato stampa rende il motivo familiare a sradicare epilessia, disturbi neurologici e ripristinare la visione, nel video editor neuroscienze per la Natura, I-han Chou, cita il potenziale di modificare il comportamento e la personalità, prendendo il controllo fisico dell’organismo bersaglio, o darsi abilità sovrumane. Questo apre la porta a violazioni etiche che possono essere immaginate solamente grazie alla direzione presa dall’élite tecnocratica. In realtà, Chou parla di etica, ma solo dal punto di vista auto-aumento e “valorizzazione”.
optogenetics-neuron
Comunicato stampa:
Optogenetics, una tecnologia che permette agli scienziati di controllare l’attività cerebrale facendo brillare di luce sui neuroni, si basa sulle proteine sensibili alla luce che possono sopprimere o stimolare i segnali elettrici all’interno delle cellule. Questa tecnica richiede una sorgente di luce per essere impiantato nel cervello, dove può raggiungere le cellule da controllare.
Gli ingegneri del Mit hanno ora sviluppato la prima molecola fotosensibile che consente ai neuroni di tacere, utilizzando una sorgente di luce esterna del cranio. Ciò permette di fare studi a lungo termine senza una sorgente luminosa impiantata. La proteina, conosciuta come Jaws, permette anche un maggior volume di tessuto su cui intervenire immediatamente.
Questo approccio non invasivo potrebbe spianare la strada per utilizzare optogenetics nei pazienti umani per trattare l’epilessia e altri disturbi neurologici, dicono i ricercatori, anche se saranno necessari altri test. Guidati da Ed Boyden, professore associato di ingegneria biologica e del cervello e scienze cognitive al MIT, i ricercatori hanno descritto la proteina del 29 giugno su Nature Neuroscience.
Optogenetics, una tecnica sviluppata nel corso degli ultimi 15 anni, è diventato uno strumento di laboratorio comune per arrestare o stimolanti specifici tipi di neuroni nel cervello, permettendo ai neuroscienziati di imparare molto di più sulle loro funzioni.
I neuroni da studiare devono essere finalizzati nel produrre proteine fotosensibili, conosciute come opsins, che sono canali o pompe che influenzano l’attività elettrica controllando il flusso di ioni sulle cellule. I ricercatori dovranno poi inserire una sorgente di luce, come una fibra ottica, nel cervello per controllare i neuroni selezionati.
Tali impianti possono essere difficili da inserire e possono essere incompatibile con molti tipi di esperimenti, come studi di sviluppo, durante il quale il cervello cambia dimensione, o di malattie neurodegenerative, durante il quale l’impianto può interagire con la fisiologia del cervello. Inoltre, è difficile effettuare studi a lungo termine di malattie croniche con tali impianti.
Female head and nerve cells, artwork
La diversità della natura Mining
Per trovare un’alternativa migliore, Boyden, Amy Chuong uno studente laureato, ed alcuni colleghi si sono “rivolti” al mondo naturale. Molti microbi e altri organismi usano opsins per rilevare la luce e reagire al loro ambiente. La maggior parte delle opsine naturali oggi utilizzate per optogenetics rispondono meglio alla luce blu o verde.
La squadra di Boyden aveva già individuato due pompe sensibili alla luce cloruro di litio che rispondono a luce rossa, che possono penetrare più in profondità nel tessuto vivente. Tuttavia, queste molecole, presenti nei batteri Haloarcula marismortui e Haloarcula vallismortis, non hanno indotto una fotocorrente abbastanza forte – una corrente elettrica in risposta alla luce – per essere utile nel controllo dell’attività neuronale.
Chuong deciso di migliorare la fotocorrente, cercando alcuni “parenti” di queste proteine e testando la loro attività elettrica. Ha poi costruito uno di questi parenti, facendo molti mutanti differenti. Il risultato di questa schermata, Jaws, ha mantenuto la sua sensibilità a luci rosse ma aveva una fotocorrente molto più forte – abbastanza per arrestare l’attività neurale.
“Questo esempio di come la diversità genomica del mondo naturale può produrre potenti reagenti che possono essere utili in biologia e neuroscienze”, dice Boyden, che è un membro del Media Lab del MIT e l’Istituto McGovern for Brain Research.
Usando questo opsin, i ricercatori sono stati in grado di arrestare l’attività neuronale nel cervello di topo con una sorgente luminosa esterna testa dell’animale. La soppressione si è verificato a una profondità di 3 millimetri nel cervello, ed è stato altrettanto efficace come quello di silenziatori esistenti che si basano su altri colori della luce distribuito mediante illuminazione invasiva convenzionale.
mind control
Ripristino visione
Lavorando con i ricercatori dell’Istituto Friedrich Miescher per la ricerca biomedica in Svizzera, il team del MIT ha anche testato la capacità di Jaws per ripristinare la sensibilità alla luce delle cellule della retina chiamati coni. Nelle persone con una malattia chiamata retinite pigmentosa, coni provocano la cecità.
Botond Roska e Volker Busskamp, due scienziati del Friedrich Miescher Institute, hanno già dimostrato che alcuni visioni possono essere ripristinate nei topi progettando quelle cellule cono per esprimere le proteine sensibili alla luce. Nel nuovo documento, Roska e Busskamp hanno testato la proteina Jaws nella retina di topo e hanno scoperto che più assomigliava opsine naturale dell’occhio e offriva una più ampia gamma di sensibilità alla luce, rendendo potenzialmente più utile per il trattamento di retinite pigmentosa.
Questo tipo di approccio non invasivo per optogenetics potrebbe anche rappresentare un passo verso lo sviluppo di trattamenti optogenetic per le malattie come l’epilessia, che potranno essere controllati chiudendo neuroni cilecca che causano crisi epilettiche, dice Boyden. “Dal momento che queste molecole provengono da specie diverse da esseri umani, molti studi devono essere fatti per valutare la loro sicurezza ed efficacia nel contesto del trattamento,” dice.
Il laboratorio di Boyden sta lavorando con molti altri gruppi di ricerca per testare ulteriormente la opsin Jaws per altre applicazioni. Il team sta anche cercando nuove proteine sensibili alla luce e sta lavorando su approcci di screening high-throughput che potrebbero accelerare lo sviluppo di tali proteine.